In viaggio con i nostri Amici
6 luglio 2015
toxoplasmosi gravidanza donna
Toxoplasmosi e Gravidanza
17 dicembre 2015
giardia veterinario

CHI è GIARDIA?

Giardia lamblia, nota anche come Giardia intestinalis o duodenalis, e’ un parassita protozoario che alberga nell’ intestino tenue del cane e del gatto (in particolar modo nei cuccioli), degli animali selvatici e dell’uomo, causando un’infezione intestinale chiamata giardiasi.

 

giardia caneCICLO VITALE

La Giardia è caratterizzata da due forme vitali: la ciste (forma infettante che viene espulsa con le feci) e il trofozoite (forma attiva che vive adesa alle cellule dell’intestino).

La trasmissione del protozoo allo stadio di ciste avviene per via oro-fecale cioè tramite l’ingestione di cibo o di acqua contaminati.

Fattori aggravanti sono il sovraffollamento (canili, gattili) e l’elevata umidità che ne favoriscono la sopravvivenza.

 

SINTOMI

Il sintomo principale è la diarrea autolimitante o persistente, con feci chiare e maleodoranti, causata dall’irritazione intestinale; talvolta ad essa sono associabili altri sintomi generici come anoressia, abbattimento progressivo e ritardo nella crescita.

I soggetti maggiormente colpiti sono animali giovani o anziani, immunodepressi o affetti da altre patologie.


 

giardia gattoDIAGNOSI

Poiché l’eliminazione delle cisti può essere intermittente, un esame delle feci negativo non esclude la giardiasi.

Vengono perciò utilizzati dei test rapidi che sono in grado di rilevare la presenza anche di piccole quantità di antigeni nelle feci del cane e del gatto.

CURA

I farmaci di prima scelta contengono metronidazolo, albendazolo e fenbendazolo. In casi gravi può essere necessario intervenire con terapie sintomatiche, ad esempio la fluido terapia.

Eventualmente si consiglia di ripetere il ciclo terapeutico in base al risultato ed alla sintomatologia clinica.

Essendo una zoonosi anche l’uomo può essere infettato (diarrea del viaggiatore)! Di conseguenza è consigliata l’eliminazione tempestiva delle feci dal luogo in cui l’animale permane per limitare la contaminazione ambientale.